Impianti di Condizionamento Industriale e Commerciale a Roma e in tutta Italia

Lun-Ven: 08:30 - 13:00

Lun-Ven: 14:00 - 17:30

Richiedi un preventivo

Sopralluoghi Gratuiti

06 8802368

Assistenza Rapida

Inquinamento indoor

L’aria che respiriamo all’interno degli edifici è realmente salubre?

Alcune patologie si sviluppano a contatto con agenti patogeni presenti all’interno degli edifici: vediamo quali sono e come difenderci.

Quando pensiamo all’inquinamento e alla qualità dell’aria siamo di norma portati a pensare ad agenti inquinanti esterni come lo smog, la quantità di Co2 nell’atmosfera, il particolato nell’aria, difficilmente invece poniamo l’attenzione sulla qualità dell’aria che respiriamo quando ci troviamo all’interno degli edifici, che siano quelli lavorativi o le nostre abitazioni.

Eppure in determinate condizioni l’aria interna può essere più inquinata dell’aria esterna, e in ogni caso il rischio espositivo è maggiore.

Questo perché passiamo tra l’80 e il 90% del nostro tempo in ambienti chiusi, tra il luogo di lavoro e la casa, inalando circa 15 metri cubi d’aria al giorno in ambienti indoor. È quindi fondamentale prestare attenzione alla qualità dell’aria interna, e non solo a quella esterna.

L’inquinamento indoor è definito dal Ministero della Salute come “la presenza nell’aria, all’interno di ambienti confinati, di contaminanti fisici, chimici e biologici non presenti naturalmente nell’aria esterna”.

Si tratta cioè di contaminanti che si sviluppano all’interno dell’edificio. Le sostanze che possono alterare la qualità dell’aria indoor si classificano come agenti chimici, fisici e biologici. Gran parte di esse provengono dall’esterno (inquinamento atmosferico outdoor, pollini), ma molti sono prodotti da fonti interne all’edificio, come i materiali di costruzione, i rivestimenti, le vernici murali, i pavimenti.
Uno dei fattori che maggiormente contribuisce alla salubrità dell’aria indoor è lo stato degli impianti di condizionamento industriale. Essi possono infatti rivelarsi pericolose fonti di inquinamento biologico o chimico, soprattutto se mal progettati o in un cattivo stato di pulizia e manutenzione. Negli impianti come umidificatori e condizionatori di aria, vaporizzatori, sistemi di riscaldamento, frigoriferi auto-sbrinanti, impianti idrici, non di rado è presente acqua stagnante che può essere terreno fertile per la prolificazione di colonie di batteri. Negli ambienti ad alto tasso d’inquinamento, come ad esempio uffici posti in strade particolarmente trafficate, la manutenzione degli impianti di condizionamento industriale è ancor più importante per impedire la penetrazione degli agenti inquinanti all’interno dell’edificio.


Le patologie più comuni legate all’inquinamento indoor riguardano:

  • Apparato respiratorio: i più comuni disturbi respiratori sono le patologie irritative acute o croniche e le patologie allergiche come rinite o asma bronchiale.
  • Apparato oculare: spesso il bruciore degli occhi, la congiuntivite o l’oculo-rinite allergica possono essere causate da agenti inquinanti presenti all’interno dell’edificio.
  • Cute: l’inquinamento degli ambienti interni può portare a sfoghi cutanei come dermatite irritativa o allergica.

Le malattie infettive derivanti da una cattiva qualità dell’aria indoor è altrettanto lunga: tra le malattie più gravi attribuibili a condizioni di inquinamento indoor ricordiamo:

  • Legionellosi: causata dall’agente eziologico Legionella Pneumophila che può proliferare all’interno degli impianti di condizionamento o nei sistemi idrici artificiali. La legionellosi si manifesta con polmonite, febbre, raffreddore, tosse, mal di testa, dolori muscolari, astenia, perdita d’appetito, occasionalmente diarrea e disturbi renali.
  • Aspergillosi polmonare: causata dall’agente eziologico Aspergillus Fumigatus, che può proliferare in condizioni di scarsa aerazione e si manifesta con sintomi simili a quelli di una bronchite acuta:  febbre, cefalea, broncospasmo ed eosinofilia. L’aspergillosi polmonare cronica provoca tosse, emottisi e respiro corto.
  • Tubercolosi, provocata dall’agente eziologico Mycobacterium Tuberculosis, si diffonde facilmente in condizioni di scarsa ventilazione e si manifesta con sintomi quali febbre persistente, con sudorazione durante la notte. Potrebbero seguire poi stanchezza e perdita di peso. Se la malattia progredisce e si formano delle cavità nei polmoni si può avere tosse e un’alta produzione di saliva e di muco.
  • Influenza e infiammazione delle vie aeree, causate da virus e batteri che si diffondono facilmente in condizioni di scarsa aerazione degli ambienti e/o di sovraffollamento.

 

Il rischio espositivo è proporzionale alla quantità di agenti inquinanti presenti per metro cubo d’aria e al tempo di esposizione: è quindi facilmente intuibile che in un ambiente lavorativo il rischio espositivo è particolarmente elevato, e può incidere pesantemente sulla salute dei dipendenti, oltre che sulla loro produttività.

Esistono diversi piccoli accorgimenti da assumere nella vita quotidiana e che possono migliorare sensibilmente la qualità dell’aria all’interno del luogo di lavoro:

  • Garantisci un’adeguata ventilazione degli ambienti, anche con sistemi di ventilazione forzata ove quella naturale è assente o insufficiente.
  • Presta attenzione agli inquinanti chimici provenienti da fonti interne: detergenti, vernici decorative, persino la macchina fotocopiatrice emette sostanze nocive per la salute.
  • Fai attenzione alla muffa: ricordati di areare i locali ogni giorno, il ricambio d’aria permette di abbattere i livelli di umidità e quindi scongiurare il pericolo di proliferazione di funghi e muffe, potenzialmente dannose per la salute.

Il metodo migliore per prevenire efficacemente il diffondersi di disturbi fisici e/o di malattie attribuibili all’inquinamento indoor è comunque il mantenimento degli impianti di condizionamento industriale ai più alti livelli di efficienza, con una manutenzione costante e una pulizia attenta, soprattutto per gli apparecchi nei quali può essere presente polvere e/o acqua stagnante.

 

Hai Bisogno di Manutenzione per il tuo impianto di Condizionamento, Riscaldamento o Refrigerazione?

Contatta il team di BS Service

Il nostro Staff Tecnico altamente specializzato garantisce interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su ogni tipologia di impianto.

Manutenzione

06.8802368

Contattaci per un Preventivo

Manutenzione

06.8802368

Contattaci per un Preventivo

 

 

Comments are closed.